“Quick Response Code” o QR Code: Un codice dalle mille risorse

Pubblicato il Pubblicato in Tecnologia

Sharing is caring!

QR CODE: Cos’è? Come viene adoperato?

Quante volte ci capita di imbatterci in un QR Code? Un quadratino che all’apparenza non comunica nulla e che sembra non avere alcuna funzione.
Si tratta di un codice a barre bidimensionale di forma quadrata composto da moduli neri inseriti su sfondo bianco.

Il QR Code è scansionabile con la fotocamera dei nostri tablet e smartphone. In questo modo funziona come un link o collegamento web, verso contenuti specifici. Scansionando un QR Code possiamo aprire direttamente pagine web, visualizzare documenti, scaricare files, consultare cataloghi e menu.

Agli angoli della matrice, quattro piccoli quadrati definiscono il giusto orientamento del codice per il processo di scansione.

E’ proprio dalla rapidità del gesto che deriva il nome “Quick Response Code” abbreviato in QR Code.
E’ facilmente realizzabile con l’ausilio di applicazioni o piattaforme online, è stampabile su qualsiasi tipo di supporto cartaceo, anche adesivo!

In rapporto alla sua superficie, un QR Code può contenere elevate quantità di dati.
I più frequenti esempi di utilizzo:

  • LINK A PAGINE WEB
  • NUMERI DI TELEFONO O INDIRIZZI E-MAIL
  • CONTENUTI GRAFICI
  • DOCUMENTI DI VARIO FORMATO
  • MODULI DI PAGAMENTO
  • MAPPE
  • TESTI
  • BIGLIETTI DA VISITA

Un espediente dinamico e versatile che sorprendentemente risale al lontano 1994.

 

Il codice può presentarsi in quattro tipologie diverse:
  • iQRCode: è più capiente rispetto ad altre tipologie. Può contenere fino all’80% di informazioni in più e al contempo subire una riduzione del 30% nelle dimensioni. Il tutto senza variare le sue caratteristiche;
  • MicroQRCode: Notevolmente ridotto in dimensioni ma anche in portata di contenuti;
  • FrameQRCode: E’ la versione più moderna. Personalizzabile con immagini nel suo interno;
  • QRCode dinamico: E’ aggiornabile. Non implica la necessità di doverne generare uno ex novo.

Oggi è più frequente che mai incorrere in uno di questi quattro. Soprattutto perché l’uso del QR Code non implica il contatto fisico con oggetti diversi da nostro smartphone personale.

Un esempio? I nuovi menù digitali! Abbiamo già dedicato un articolo a questo argomento. Puoi leggerlo cliccando qui.

Link utili:

https://www.lenus.it/qr-code-cose-come-funziona/

Sharing is caring!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *