Come preparare un pitch di successo

Pubblicato il Pubblicato in Marketing, Tutorial

Sharing is caring!

Che cos’è un pitch?

Un pitch è una breve presentazione di un’idea di business, che ha una durata variabile dai 30 secondi ai 5 minuti. Attraverso queste brevi presentazioni, le start up possono effettuare una rapida panoramica del loro business plan e attirare l’attenzione del pubblico.

Qual è l’obiettivo di un pitch?

Se hai mai assistito ad una pitch competition saprai che gli investitori
avranno ascoltato molti altri startuppers prima di te.
L’errore più comune è credere che il tempo a disposizione
corrisponda esattamente al tempo di attenzione della tua audience.
Ecco perché è fondamentale bilanciare in maniera ottimale tempo e contenuti.

 

Stimola l’attenzione degli interlocutori e spingili a porti domande.

Occhio però: non sempre i dubbi di un investitore si traducono in un interesse da parte sua:
se un investitore vi chiedesse “qual è il vostro mercato di riferimento” è chiaro che il vostro discorso presenta
delle lacune che hanno generato dei dubbi piuttosto che interesse! Le domande che dovete cercare di ottenere sono quelle che vertono sulle specifiche di prodotto, potenziali applicazioni su mercati differenti da quello di riferimento. Insomma, tutto quello che non avete avuto tempo di dire a causa del poco tempo a vostra disposizione ma che non era di primaria importanza.

Come costruire un pitch efficace?

Ci sono tre fattori essenziali da tenere in considerazione quando prepariamo un pitch:

  1. Tieni sempre a mente la tipologia di pubblico cui ti riferisci
  2. Stabilisci una struttura per una breve over-view a 360°
  3. Mantieni uno stile comunicativo semplice e chiaro

 

Non tutti i presenti sono interessati nel tuo progetto. Scegli 3-4 profili di investitori ai quali vuoi rivolgerti e cerca di colpirli a livello emotivo. Individua i loro interessi e bisogni: un investitore può essere più interessato ai risultati ottenibili attraverso il tuo prodotto anziché alle sue specifiche tecniche.


Osservando i pitch fatti da quelle che adesso sono ormai realtà di successo internazionale (Uber, Airbnb, LinkedIn)
la struttura delle loro sessioni era simile e rispettava questo schema:
Problema | Soluzione | Mercato | Prodotto| Competitor | Obiettivi a lungo termine | Team


Crea una presentazione in cui la formattazione del testo è identica in ogni slide. 
Mostrare i clienti che hanno già provato il tuo prodotto o inserire le loro testimonianze,
aiuta l’investitore ad avere un quadro più chiaro di ciò che fai e a chi ti rivolgi.
Il linguaggio del corpo è fondamentale ma non deve essere un fattore che anestetizzi il tuo entusiasmo


Nel video qui sotto c’è un ottimo case study su come presentare la propria idea di business

Sharing is caring!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *